Gli story cubes: li conoscete?

13479713_10209726470266644_1309760777_n

Il decalogo del buon genitore dovrebbe avere pochi punti irremovibili, uno di questi dovrebbe essere: NON STRAFARE!

Quando hai in testa un’idea, un progetto dimezzalo, ridimensionalo, scremalo…insomma no non sopravvalutarti, no, non sei wondermama, no non sei meno stanca di ieri.

Eccomi quindi reduce da una settimana SOLA con il trio, eroico oserei dire!

Infatti sto un cesso, diciamocelo, urge trucco, parrucco, dentista, estetista…insomma na magia!

Eppure volevo fare qualcosa di carino sabato che eravamo tutti a casa dal mattino, il sole chiamava subito MAREEEE ma invece mi sono detta, no Sara non ce la puoi fare, ti dai la mazzata finale, lo capisci?

Ho optato per l’idea vincente del momento: IL PICNIC!

13474261_10209726470106640_675186930_n

Location a 5 minuti da casa: amata, sicura, confortevole, conosciuta e assolutamente prevedibile!

Menù: pomodoro e mozzarella e prosciutto e melone, senza pianti, senza stratagemmi per mangiare.

La scelta più indolore possibile insomma.

E ho fatto bene!

Valore aggiunto della trasferta è stato che ora Leo cammina spedito, gioca a palla, sale sullo scivolo e quindi si intrattiene senza di me…e da cozza che è, non è poco!

Tocco magico della giornata è stato proporre dal mio cilindro magico un nuovo gioco per la famiglia: gli STORY CUBES della Rory’s.

 

13472213_10209726470426648_942780109_n 13479529_10209726469866634_843693025_n 13457744_10209726471266669_1897059226_n 13492808_10209726471106665_1100747697_n

Sono piaciuti moltissimo!

I grandi si sono a loro modo adoperati a far galoppare la fantasia in sentieri più o meno prevedibili mentre Leo se li voleva magnare ;-) o farci una torre!

Il gioco consiste nel tirare 3 dadi e delineare il protagonista, poi tirare tutti e 9 i dadi per creare la trama.

Noi ovviamente abbiamo già modificato le regole a nostra misura ;-)

Esiste anche il gruppo Facebook dedicato ai Rory’s Story Cubes, insomma un mondo!

Mi ha fatto molto piacere vederli appassionarsi di un interesse che nutro dal mio primo corso di narrazione orale nel lontanissimo 1997 fatto con la fantastica Cristina Leal ( magari un giorno lo rispolvero e ve ne scrivo ;-)).

13487575_10209726472106690_388454438_n 13479529_10209726469866634_843693025_n

“Le fiabe servono alla matematica come la matematica serve alle fiabe. Servono alla poesia, alla musica, all’utopia, all’impegno politico: insomma, all’uomo intero, e non solo al fantasficatore. Servono proprio perché, in apparenza, non servono a niente: come la poesia e la musica, come il teatro o lo sport (se non diventano un affare). Servono all’uomo completo. Se una società basata sul mito della produttività (e sulla realtà del profitto) ha bisogno di uomini a metà – fedeli esecutori, diligenti riproduttori, docili strumenti senza volontà – vuol dire che è fatta male e che bisogna cambiarla. Per cambiarla, occorrono uomini creativi, che sappiano usare la loro immaginazione”.

Gianni Rodari

13487549_10209727563373971_1999001307_n

P.S. Il Barba è tornato e si è flashato di questo gioco ed è davvero portato all’invenzione e alla fantasia, quindi benvenuti Rory’s Story Cubes un ottimo modo per intrattenerci insieme, ovunque!

FacebookTwitterGoogle+PinterestEmail

One Trackback

Scrivi un Commento

Campi Obbligatori *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current day month ye@r *